Salta al contenuto

Contenuto

In considerazione degli effetti connessi all'emergenza sanitaria da  COVID  19,  per  l'anno  2020,  non  e'  dovuta  la  prima rata dell’IMU di cui all'art. 1, commi da 738 a 783 della legge 27 dicembre 2019, n. 160, relativa a:

a) immobili adibiti a stabilimenti balneari  marittimi,  lacuali  e fluviali,  nonchè immobili degli stabilimenti termali;

b) immobili rientranti nella categoria  catastale  D/2  e  immobili degli  agriturismo,  dei  villaggi  turistici,  degli  ostelli  della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie  marine  e  montane, delle  case  e  appartamenti per vacanze, degli affittacamere per brevi soggiorni, dei bed & breakfast, dei residence  e  dei  campeggi,  a condizione che i  relativi  proprietari  siano  anche  gestori  delle attività ivi esercitate.

Pertanto per accedere all’esenzione di cui sopra i soggetti passivi devono:

1)    possedere un immobile in categoria D2 o in altra categoria catastale a condizione sia adibito ad una delle attività indicate;

2)    gestire direttamente (stesso codice fiscale, quindi essere lo stesso soggetto giuridico) nell’anno 2020 l’attività presso l’immobile come da Scia o altra autorizzazione all’esercizio di impresa rilasciata;

3)    presentare dichiarazione IMU per l’anno 2020 entro il 30 giugno 2021, ai fini del riconoscimento della esenzione stessa.

Ultimo aggiornamento: 06-12-2023, 13:12