Salta al contenuto

Contenuto

L’Amministrazione comunale di Imola ha chiesto e ottenuto dal Ministero dell’Interno il finanziamento di un progetto, denominato “Una socialità sana e sicura”, che si pone l’obiettivo di migliorare la sicurezza del contesto urbano imolese, attraverso una serie di azioni, oggetto di specifiche progettualità.

I servizi assumeranno la modalità di turni notturni (cosiddetti “pattuglioni”), dalle ore 21:00 alle ore 03:00, al fine di poter intervenire sia nelle aree critiche soggette alla movida giovanile, nelle prime ore del servizio, sia nelle principali arterie stradali, attraverso l’effettuazione di posti di controllo, nella seconda parte del servizio.
I predetti turni saranno organizzati prevalentemente nelle serate di sabato o venerdì, oppure, in via residuale, nelle altre giornate della settimana nelle quali, secondo le valutazioni del Comando di Polizia Locale, si possa ritenere che si verifichino i fenomeni che le attività progettuali si propongono di prevenire e reprimere.

Il Comandante della Polizia Locale del Nuovo Circondario Imolese Daniele Brighi infatti sottolinea che:

“troppo spesso si guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe. Quali zone controlleremo con maggiore attenzione? Sicuramente il centro abitato di Imola, più popolato rispetto al resto del circondario. Per quanto riguarda invece i controlli alla circolazione stradale, presidieremo innanzitutto le strade principali: vie Emilia, Selice e Montanara".

I pattuglioni saranno composti, in via ordinaria, da quattro Agenti/Assistenti/Sovrintendenti e da un Ufficiale addetto al coordinamento del servizio, che comporranno due distinte pattuglie. L’Ufficiale coordinatore potrà disporre una pattuglia, composta da due unità di personale, a bordo di un veicolo di servizio privo di stemmi e contrassegni d’istituto, al fine di poter operare con maggiore efficacia nell’individuazione di fenomeni di spaccio e, più in generale, di degrado urbano.

La sperimentazione andrà avanti fino al 30 giugno. L’obiettivo di Comune, Circondario e Polizia locale è però quello di proseguire, dopo aver tracciato un giusto bilancio, anche nelle settimane successive.

"Mi aspetto un ritorno sia dal punto vista qualitativo che quantitativo – prosegue Brighi – "Arriveranno delle risposte precise e un buon numero di controlli. Per questo vogliamo andare avanti anche durante l’estate, quando c’è maggiore bisogno".

A cura di

Questa pagina è gestita da

Servizio associato

Ultimo aggiornamento: 06-12-2023, 13:12