Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Servizio Sismico NCI / COMUNI UNIONE ROMAGNA FAENTINA: Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Faenza, Riolo Terme, Solarolo / Istruzioni per il Deposito per Interventi Locali di Minore Rilevanza

Istruzioni per il Deposito per Interventi Locali di Minore Rilevanza

Il decreto-legge n. 32/2019 convertito in Legge n. 55/2019 ha modificato gli articoli articoli 65, 67 e 93 del DPR 380/01 e inserito nello stesso decreto l'art. 94 bis. L'art. 94 bis al comma 1 introduce gli "interventi di minore rilevanza" non soggetti ad autorizzazione preventiva.

Con DGR n. 924 del 05/06/19 (pubblicata sul BUR n. 186 dell'11 giugno 2019 e pertanto operativa dal 12/06/2019), che integra quanto previsto dalla DGR n. 828 del 31/05/19, si individuano le RIPARAZIONI e gli INTERVENTI LOCALI sulle costruzioni esistenti quali INTERVENTI DI MINORE RILEVANZA AI FINI DELLA PUBBLICA INCOLUMITA' ad esclusione dei casi in cui i medesimi interventi sono comunque soggetti ad autorizzazione sismica ai sensi dell'art. 11, comma 2 lettere a), b), e c) della LR 19/2008.

Sono pertanto assoggettati a DEPOSITO ai sensi dell'art. 93 del DPR 380/01 gli interventi di riparazione e gli interventi locali definiti al paragrafo 8.41 del DM 17/01/2018 e specificati al paragrafo C8.4.1 della relativa circolare n. 7/2019 che NON riguardano:
- abitati dichiarati da consolidare, di cui all'art. 11 comma 2 lettera a) della LR19/08,
- violazione alle norme tecniche antisismiche, di cui all'art. 11 comma 2 lettera b) della LR 19/08,
- costruzioni di interesse strategico o rilevante, di cui all'art. 11 comma 2 lettera b) LR 19/08

In attesa di specifiche disposizioni da parte della Regione Emilia-Romagna, le pratiche sismiche relative a "interventi locali di minore rilevanza" PRESENTATE A PARTIRE DAL 12 GIUGNO 2019 saranno trattate col procedimento del deposito del progetto esecutivo riguardante le strutture come regolamentato dall'art. 13 della LR 19/08, quale unico attuale riferimento per le spese istruttorie e per la disciplina dei controlli.

CONTROLLI
I depositi saranno sottoposti a controllo di merito a campione secondo la normativa regionale vigente su espressa richiesta del SUE/SUAP del Comune di competenza, si informa che in attesa della determinazione da parte dell’URF delle modalità e criteri di sorteggio, saranno sottoposte a controllo di merito tutti i depositi (sia afferenti ai Permessi di Costruire che alle SCIA).

ISTRUZIONI per il DEPOSITO che dovrà avvenire tramite SIS:
Considerato che la piattaforma SIS attualmente non prevede il deposito per le zone sismiche 2, è necessario utilizzare la procedura già prevista per l'inoltro dell'istanza di autorizzazione.
Come per tutte le altre pratiche sismiche l'ID SIS dovrà essere riportato chiaramente nella pratica edilizia e gli estremi della pratica edilizia riportati nel SIS. 
Il tecnico incaricato che inserisce la pratica sul portale dovrà:
1. inserire la parola iniziale DEPOSITO nella sezione nome pratica: "DEPOSITO - nome pratica" per distinguere le pratiche depositate da quelle ad autorizzazione;
2. inserire il modulo MUR D.2.1 - deposito progetto per opere di Minore Rilevanza relativo al deposito in sostituzione del modulo A.2 e il modulo MUR D.3.1 - asseverazione di conformità e congruità per interventi di Minore Rilevanza in sostituzione del modulo MUR A.3/D.3
3. pagare le spese istruttorie previste per il Deposito art. 13 LR 19/2008
4. allegare tutta la documentazione tecnica e amministrativa e INVIARE la pratica
5. attendere l'ATTESTAZIONE DI AVVENUTO DEPOSITO che sarà inviata tramite PEC al procuratore, al nuovo circondario imolese e al Servizio Assistenza SIS a seguito del controllo di completezza e regolarità formale della documentazione presentata

6. inserire l'ATTESTAZIONE DI AVVENUTO DEPOSITO allegandolo alla documentazione di inizio lavori

Per i restanti interventi continua a trovare applicazione la disciplina regionale prevista dal titolo IV della LR 19/08.

ultima modifica 25/06/2019 10:15 — pubblicato 19/06/2019 12:05