Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Attività - Progetti / Sportello antiracket - antiusura

Sportello antiracket - antiusura

Sportello antiracket - antiusura

dal 4 ottobre, a servizio della Romagna

Apre il 4 ottobre 2016 lo Sportello di Ascolto e Sostegno per tutte le persone che hanno problemi di usura, estorsione, oppressione criminale o di sovra-indebitamento.

Lo Sportello sarà operativo per tutta la Romagna,  tutti i martedì dalle 10 alle 12.30 nella sede del Nuovo Circondario Imolese e  dalle 14.30 alle 16.30,  a rotazione nei diversi Comuni.

Date e orari dello sportello

  • 4 Ottobre, Castel S. Pietro Terme
    presso Palazzo comunale, piazza XX Settembre, 3
  • 18 Ottobre, Castel Guelfo
    presso Palazzo comunale - Via Gramsci, 10
  • 25 Ottobre, Fontanelice
    presso Palazzo comunale - Via Severino Ferri, 3
  • 8 Novembre, Casalfiumanese
    presso Biblioteca comunale "Villa Manusardi" - Viale A. Costa, 27
  • 15 Novembre, Dozza
    presso Centro Civico di Toscanella - P.zza Libertà, 3
  • 22 Novembre, Mordano
    presso Palazzo comunale - Via Bacchilega, 6
  • 29 Novembre, Borgo Tossignano
    presso Palazzo comunale - P.zza Unità d'Italia, 7
  • 6 Dicembre, Medicina
    presso Villa Pasi (Parco delle Mondine) - Via Osservanza, 84
  • 16 Dicembre, Castel del Rio
    presso Palazzo Alidosi - Via Montanara, 1
  • 20 Dicembre, Imola
    presso sede Nuovo Circondario Imolese - Via Boccaccio, 27 

 


 

 Contatti

  • Telefono  370.3165406 dal lunedì al giovedì ore 15.00-18.00 - se attiva la segreteria telefonica lasciare un messaggio per essere ricontattati.

 


 

Lo Sportello viene attivato nell’ambito del progetto “S.O.S. Giustizia – Servizio di ascolto e di assistenza alle vittime della criminalità organizzata”, nato nel 2010 per impulso di Libera, l’associazione da sempre punto di riferimento per quanti vivono situazioni di disagio legate all’azione di gruppi criminali e mafiosi.

Grazie al Nuovo Circondario Imolese il progetto arriva ora a Imola, sostenuto dalla Regione Emilia Romagna e con la partecipazione di Caritas Diocesana, Libera e Ausl.