Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Attività - Progetti / Diamoci del tu / Novità ed eventi / Focus 2018 sui lavoratori stranieri in Emilia-Romagna

Focus 2018 sui lavoratori stranieri in Emilia-Romagna

L’Osservatorio regionale sul fenomeno migratorio ha pubblicato un approfondimento sui lavoratori stranieri in Emilia-Romagna.

I risultati segnano il superamento della fase più acuta della crisi economica e occupazionale che ha caratterizzato, anche nella nostra regione, gli anni 2008-2014.

Alcuni dati riportati affermano che:

  • E’ straniero il 13,0% degli occupati in Emilia-Romagna nel 2017.
  • I lavoratori stranieri sono meno autonomi e più a tempo parziale degli italiani. Sono inoltre più concentrati nei lavori manuali, soprattutto nell’ agricoltura e nelle costruzioni. Queste differenze si riflettono sulla retribuzione media: gli italiani guadagnano, infatti, il 23,2% in più degli stranieri.
  • Il tasso di occupazione dei cittadini stranieri è del 63,1%, circa 6 punti percentuali in meno rispetto agli italiani (69,5%). Prima della crisi, i tassi di italiani e stranieri erano pressoché in linea (attorno al 70%). Dal 2009, quello degli stranieri è invece peggiorato significativamente, giungendo nel triennio 2013-2015 sotto al 60% (quasi 9 punti percentuali in meno degli italiani). A partire dal 2014, si registra tuttavia un graduale miglioramento del loro tasso di occupazione.
  • E’ la componente femminile a determinare la differenza del tasso di occupazione tra italiani e stranieri. Mentre i tassi per gli uomini sono simili (italiani al 75,0% vs. stranieri al 75,9%), per le donne il gap supera i 10 punti percentuali (italiane al 63,8% vs. straniere al 52,7%). 

Potete consultare il documento completo cliccando qui

 

ultima modifica 11/01/2019 12:19 — pubblicato 11/01/2019 12:19